Vai ai rimedi per i problemi di erezione

Erezione dopo prostatectomia radicale

erezione dopo prostatectomia radicale La prostatectomia radicale consiste nella rimozione totale della prostata, un organo essenziale per la produzione del liquido seminale e soprattutto per la gestione dell’erezione.

Questa operazione incide quindi in maniera significativa sul fenomeno dell’erezione, e richiede tempi piuttosto lunghi per il ripristino della totale funzionalità, non sempre garantita, ma comunque frequente se si segue la procedura corretta.

In questo articolo vedremo nel dettaglio perché una prostatectomia radicale è così invasiva da richiedere fino a 12 mesi di riabilitazione prima di tornare ad avere risultati soddisfacenti dal punto di vista dell’erezione.

Vedi anche prostata ed erezione.

Recupero dell’erezione post prostatectomia radicale

La prostatectomia radicale prevede la totale eliminazione della prostata e comporta un possibile danneggiamento del tessuto nervoso che si trova nella zona. Il problema, soprattutto nei soggetti in età più avanzata, che sono quelli statisticamente più colpiti da problemi alla prostata che richiedono un intervento, è che tali tessuti si rigenerano con una velocità molto bassa, richiedendo diversi mesi per essere ripristinati del tutto.

Tutto l’apparato nervoso e capillare che occupa la zona, infatti, è collegato ai vasi sanguigni che vengono sollecitati durante l’operazione, e c’è la possibilità di perdere un quantitativo di sangue eccessivo, danneggiando proprio i nervi che provocano l’erezione. L’approccio che attualmente viene utilizzato per scongiurare questo fenomeno è chiamato nervesparing, che evita l’impiego del bisturi elettrico, e che preserva il più possibile l’apparato nervoso.

Per questo motivo, è essenziale consultare un esperto professionista in questo campo, dotato di competenze nelle tecniche più avanzate e capace di identificare l’approccio più adatto al paziente. Inoltre, il livello di danno ai nervi e ai vasi sanguigni è influenzato anche dal tipo di tumore alla prostata diagnosticato, che è una delle principali ragioni per cui si sceglie la prostatectomia radicale negli uomini. Nel caso in cui il cancro sia molto aggressivo, potrebbe essere necessario un intervento più invasivo, con un aumento dei rischi di compromettere i nervi e causare, nei casi più gravi, problemi di erezione.

Quindi, se per un pieno recupero dell’erezione in parte incide la bravura del chirurgo e in parte la natura dell’operazione, in media si deve considerare un lasso di 12 mesi, che si può abbassare a 6 mesi nel caso di soggetti giovani e molto reattivi, o allungare fino a 24 mesi nei casi più complessi. Il medico può consigliare di tentare un primo approccio già dopo 4 settimane, senza però preoccuparsi eccessivamente se l’erezione non è completa, duratura o soddisfacente.

Se dopo un anno ancora la situazione non è migliorata, allora è possibile ricorrere ad analisi specialistiche e a una serie di espedienti per favorire la rimarginazione dei tessuti danneggiati. Tuttavia, durante il percorso di recupero, è prevista anche una terapia a base di farmaci vasodilatatori intracavernosi con PGE1, seguita dopo alcuni mesi dall’impiego di farmaci per l’erezione come Viagra e Cialis.

Vedi anche durata dell’erezione.

Risolvi i tuoi problemi di erezione

Proprio perché so cosa si prova ho deciso di condividere con te le mie scoperte e aiutarti a ritrovare delle erezioni dure e soprattutto durature che ti permettano di evitare situazioni umilianti e di goderti a pieno le tue relazioni sessuali. Vai al metodo per ottenere erezioni dure e durature.